top of page
brc
IFS.png

Certificazione BRC e IFS settore agroalimentare

La certificazione per garantire che i prodotti alimentari rispondano ai requisiti di sicurezza alimentare

Lo schema BRC è una Certificazione volontaria di prodotto che comprende i processi di lavorazione e di trasformazione

agro- industriale, si rivolge ad aziende che operano nel comparto alimentare (alimenti e bevande) e permette di certificare quei prodotti venduti a marchio del distributore, a marchio proprio dell’azienda, o che sono ingredienti di altri alimenti; è uno schema che non si applica invece alle attività di vendita all’ingrosso, importazione e distribuzione o stoccaggio (se al di fuori del controllo diretto dell’Organizzazione). Sono quindi oggetto di certificazione BRC tutti i processi di lavorazione e di trasformazione che danno origine a qualsiasi prodotto alimentare che viene posto sul mercato come prodotto fresco, refrigerato o congelato.

I requisiti di conformità sono definiti nel documento di riferimento che è il Global Standard for Food Safety la cui ultima versione, la
numero 8, entrata in vigore da agosto 2018. In sintesi questo standard copre aspetti di qualità, igiene e sicurezza del prodotto e
prescrive: la responsabilità della Direzione; l’HACCP; l'attuazione di un Sistema di Gestione per la Qualità e la Sicurezza dei prodotti;
l'adeguatezza dei parametri strutturali ed igienici dei locali; il controllo del prodotto; il controllo dei processi; un’adeguata formazione e attenzione sugli aspetti igienici da parte del personale. Il Global Standard for Food Safety è uno schema di Certificazione elaborato da British Retail Consortium - Consorzio dei dettaglianti inglesi - al quale sono associati la quasi totalità dei commercianti anglosassoni, dai piccoli punti di vendita ai grandi supermercati.

Lo schema BRC ha pertanto lo scopo di garantire, con la Certificazione, che i prodotti alimentari, in particolare per quelli commercializzati dalla Grande Distribuzione Organizzata e contrassegnati con il marchio del distributore, rispondano ai requisiti di sicurezza alimentare. Lo schema di Certificazione IFS Food si è sviluppato grazie alla collaborazione delle Federazioni di Distributori
provenienti da Germania, Francia e Italia. Si tratta di uno Standard rivolto ai fornitori di prodotto a marchio dei distributori: nasce infatti
con la logica di definire un documento condiviso per valutare i sistemi di sicurezza alimentare e di qualità dei prodotti applicati dai fornitori stessi. Lo Standard IFS Food è uno degli standard sotto il marchio IFS — International Featured Standard, e si applica alle aziende del comparto alimentare che effettuano la lavorazione e/o il confezionamento di prodotti sfusi; alle Organizzazioni che producono alimenti, bevande o materie prime a marchio del retailer, piuttosto che ai fornitori di alimenti/ingredienti utilizzati poi da parte di altre aziende alimentari o aziende di catering. L’IFS Food è una certificazione di prodotto, basata sullo sviluppo di requisiti relativi al Sistema di Gestione, all'HACCP e alle Good Manufacturing Practices.

A chi si rivolge

Alle Imprese agro-industriali italiane che, nei processi di lavorazione e di trasformazione, attraverso l’adeguamento alle prescrizioni dello Standard BRC e IFS possono fornire i prodotti alimentari così ottenuti ad Aziende della Distribuzione Organizzata (soprattutto inglesi ma anche italiane e di altri Paesi) che esigono, come condizione per accettare le forniture, la conformità di queste ai requisiti prescritti nel Global Standard for Food Safety e International Featured Standard.

- Richiedi informazioni -

Oggi la CDS è in grado di offrire i propri servizi su tutto il territorio Italiano.
bottom of page